IT EN ES
Primo piano

Quando parliamo di Dio, a cosa/a chi pensiamo? Qual è l’immagine che abbiamo di Lui? In quale Dio/dio crediamo? Una delle opportunità che ci sta offrendo il dramma di questa pandemia globale è l’averci costretto ad andare alla radice della nostra fede e delle nostre relazioni: con gli altri, con la terra, con noi stessi e con Dio.

Egli ci ha svelato un solo volto di Dio: il Dio dell’amore che ha cura di noi e vuole la nostra totale liberazione e felicità. Dio non manda il male, né lo permette per fini educativi, né lo tollera. Egli non ci salva dal dolore, ma lo attraversa con noi, lo illumina, lo trasforma dal di dentro impegnandosi a liberarci e farci risorgere sempre. Anche se ciò gli costa la vita.

Come aiutarci

Dal 15 settembre 2014 siamo presenti in Umbria, nella diocesi di Città di Castello, nella terra di Francesco e Chiara, per attingere alle radici francescane.

Accogliamo singoli o piccoli gruppi per: esercizi spirituali in gruppo o personalmente guidati, ascolto pregato e condiviso della Parola...

La Casa di preghiera è il “polmone dello Spirito”. Il Tabor che trasfigura colui che vi sale con fede e umiltà. P. Luigi Faccenda.

Loading…