1. Contenuto della pagina
  2. Menu principale di navigazione
  3. Menu di sezione
 
 
  1. Vai alla versione stampabile della pagina
  2. Vai alla mappa del sito

Contenuto della pagina

Consacrazione a Maria

"Voglio essere tutto tuo, Maria!"

Statua dell'Immacolata

La consacrazione a Maria scaturisce dal testamento di Cristo crocifisso: "Donna ecco il tuo figlio! Figlio, ecco la tua madre !" (Gv 19,26-27 ). Ci consacriamo a Maria perché Cristo l'ha lasciata a noi come Madre. A ciascuno Egli ripete fin dal battesimo: "Ecco tua Madre!". Come l'apostolo Giovanni che "la prese con sé" , noi l'accogliamo insieme agli altri doni che Cristo ci ha lasciato: la Parola, l'Eucarestia, lo Spirito Santo, la Grazia e le chiediamo di camminare con noi per testimoniare il Vangelo nella vita quotidiana.
 
"Voglio essere tutto tuo, Maria!" è stato il motto del pontificato di Giovanni Paolo II, il quale così si rivolge ai giovani in occasione della XVIII giornata mondiale della gioventù:
«Oggi è a voi che Cristo chiede espressamente di prendere Maria "nella vostra casa", di accoglierla "tra i vostri beni" per imparare da Lei, che "serbava tutte queste cose meditandole nel suo cuore" ( Lc 2,19), la disposizione interiore all'ascolto e l'atteggiamento di umiltà e di generosità che la contraddistinsero come prima collaboratrice di Dio nell'opera della salvezza. È Lei che, svolgendo il suo ministero materno, vi educa e vi modella fino a che Cristo non sia formato in voi pienamente»

 
In preghiera davanti a Maria

«Non si tratta solo di imparare le cose che Egli ha insegnato, ma di "imparare Lui". Ma quale maestra, in questo, più esperta di Maria? Se sul versante divino è lo Spirito il Maestro interiore che ci porta alla piena verità di Cristo (cfr Gv 14, 26; 15, 26; 16,13), tra gli esseri umani, nessuno meglio di Lei conosce Cristo, nessuno come la Madre può introdurci a una conoscenza profonda del suo mistero
 
La consacrazione a Maria si caratterizza per due atteggiamenti di fondo:la fiducia e l'offerta.
Fiducia in Maria perché crediamo al suo amore e alla sua missione di Madre; la sentiamo figura e compimento di quello che anche noi saremo.

Da qui scaturisce l'offerta: riconoscendo la specificità della sua mediazione materna, ci affidiamo alla sua azione, sapendo che nelle sue mani, nulla andrà perduto.

 
 

Che cosa offriamo a Maria?

Giovane con un'immagine della Vergine Maria

Quello che siamo:
il nostro spirito con le sue aspirazioni;
la nostra mente con i suoi pensieri, intuizioni, angosce e desideri,
il nostro corpo con tutte le sue facoltà e sofferenze,
il nostro cuore con tutti i suoi affetti, i sentimenti, la capacità di amare e di donare.

Quello che facciamo:
ogni azione, ogni parola, ogni gesto, il lavoro.

Spesso ci sembrerà di non avere nulla da offrire a Maria perché sentiremo tutta la realtà dei nostri limiti umani e spirituali; l'incapacità di compiere il bene che vorremmo; il peso del nostro peccato...ma è proprio questo che dobbiamo mettere nel cuore e nelle mani di Maria.
Lei prende tutto di noi, lo arricchisce dei suoi meriti e lo offre al Padre come fosse suo.
Imitare Maria: questo è il primo passo che scaturisce dalla consacrazione a Lei e che giorno dopo giorno dà spazio in noi al volto di Cristo e ci rende suoi testimoni.

 
 

Come si vive la consacrazione a Maria?

Italia: rito della consacrazione a Maria
Italia: rito di consacrazione a Maria

La consacrazione deve essere un atto libero e cosciente, accettato e vissuto come un dono. Per prepararsi efficacemente a compiere questo atto, è bene conoscere ciò che la Chiesa insegna sulla Madre di Dio, e approfondire, con l'aiuto di qualche testo adatto, il significato di tale consacrazione.

Stabilita una data, in un momento di preghiera o anche al termine di una Celebrazione Eucaristica, si recita la formula di consacrazione adatta, che in seguito è bene rinnovare frequentemente.
Come segno dell'avvenuta consacrazione, Padre Kolbe invitava a portare la Medaglia miracolosa, ma soprattutto ad essere veri figli e apostoli di Maria nel proprio ambiente. Con la consacrazione, infatti, non si crea solo una relazione esterna con Maria, diventando suo figli, ma si opera un'autentica e graduale trasformazione di tutto il nostro essere e agire in Lei.


(Per chi desidera consacrarsi a Maria è previsto un itinerario di preparazione presso i nostri Centri)

 
  1. IT
  2. EN
  3. ES
  4. FR
  5. PT
  6. PL
 

Menu di sezione