1. Inizio pagina
  2. Contenuto della pagina
  3. Menu principale
  4. Menu di Sezione
  1. IT
  2. EN
  3. ES
  4. FR
  5. PT
  6. PL
Contenuto della pagina

Lettere dalla missione

Rallegriamoci sempre nel Signore

 
Le missionarie di Villa Ballester con un gruppo di giovani ed adulti, tra i quali anche Daniele, un diacono italiano, durante il periodo estivo hanno realizzato una missione nel Nord dell’Argentina, vicino alla città di Salta. È stata per tutti una gioiosa esperienza di evangelizzazione, di comunione e di servizio.

In gennaio insieme a un gruppodi giovani, eravamo in 22, abbiamo realizzato una missione a Rosario di Lerma, vicino alla città di Salta. 
Il tema della missione era ”Rallegriamoci sempre nel Signore” e realmente sia all’interno del gruppo sia nella relazione con gli altri abbiamo vissuto un’esperienza di gioia.
La gioia del condividere, la gioia della chiamata alla missione. 
La gioia della gente che ci ha accolto con tanta fiducia e apertura. La gioia perché il Signore era presente in ogni famiglia consolando, fortificando e rinnovando nella fede e nella speranza.  Durante la missione, grazie aDio, alloggiavamo presso una scuola.  Essendo un gruppo numeroso, bisognava adattarsi agli spazi. I piatti non erano sufficienti, anche perché ogni giorno bisognava aggiungere altri posti alla nostra tavola. Per questo usavamo i coperchi dei contenitori come piatti, e i cucchiai servivano da cucchiai e da forchette.

Durante la missione visitammo le famiglie di tre “barrios”di recente costruzione.

Organizzammo incontri per bambini. 
Il primo giorno piovve e parteciparono solo venti bambini, ma l’ultimo giorno erano settanta.
I bambini inoltre sapevano cantare molto bene, perciò animarono con i canti la Messadi conclusione della missione. Con molto entusiasmo cantarono il canto alla Vergine di Guadalupe che i missionari avevano loro insegnato.

Ci furono anche incontri per adulti e famiglie. Gli incontri furono molto partecipati ed organizzati molto bene da un’equipe internazionale. Tra gli animatori, infatti, c’era anche Daniele, un diacono italiano. Con i giovani organizzammo partite di calcio, si giocava fino a quando il sole non tramontava. Poi si condivideva oltre a qualcosa di fresco anche riflessioni ed esperienze. Questiincontri sono stati molto importanti, pensiamo perciò di organizzarne altri il prossimo anno. 
A metà missione ci fu anche un incontro per le mamme, durante il quale si offrirono alcuni spuntiper l’educazione dei figli e si condivisero esperienze. 
Molto importanti furono i momentidi preghiera che condividemmo. Se fossero mancati, non avremmo potuto portare avanti la missione. Furono animati da Gabriella e Emilia e ci hanno aiutato ad approfondire il tema della missione con creatività e profondità. 
Siamo tornati a Buenos Aires, ciascuno alla sua vita, alla sua famiglia, ai suoi studi, al lavoro, però con una profonda gioia nel cuoreper tutto ció che abbiamo vissuto e condiviso. 

Le missionarie di V. Ballester