1. Contenuto della pagina
  2. Menu principale di navigazione
  3. Menu di sezione
 
 
  1. Vai alla versione stampabile della pagina
  2. Vai alla mappa del sito

Contenuto della pagina

Attualità ecclesiale

Messaggio per la Quaresima 2013: Credere nella carità suscita carità

 «Abbiamo conosciuto e creduto l'amore che Dio ha in noi» (1 Gv 4,16). In occasione della Quaresima, che quest’anno è inserita nel quadro dell’Anno della Fede, Benedetto XVI porta alla nostra attenzione il rapporto tra fede e carità. Ricordando la Deus caritas est e il discorso sull’amore di Dio per noi che suscita la nostra risposta di fede, egli definisce la fede come “quella personale adesione alla rivelazione dell'amore gratuito e «appassionato» che Dio ha per noi e che si manifesta pienamente in Gesù Cristo”.
 

“Il cristiano è una persona conquistata dall’amore di Cristo e perciò, mosso da questo amore è aperto in modo profondo e concreto all'amore per il prossimo. Tale atteggiamento nasce anzitutto dalla coscienza di essere amati, perdonati, addirittura serviti dal Signore, che si china a lavare i piedi degli Apostoli e offre Se stesso sulla croce per attirare l’umanità nell’amore di Dio”.
 

Il Pontefice chiarisce quanto sia importante tener insieme fede e carità; il “il «sì» della fede segna l’inizio di una luminosa storia di amicizia con il Signore, che riempie e dà senso pieno a tutta la nostra esistenza” ma Dio non si ferma a questo, Egli ci chiede di entrare concretamente nella sua dinamica di amore, “vuole attiraci a Sé, trasformarci in modo profondo”.
 

Soltanto da questa intima relazione potrà nascere in noi la stessa capacità di amore e di donazione, che altrimenti sarebbe fortemente segnata dal limite.  “Aprirci al suo amore significa lasciare che Egli viva in noi e ci porti ad amare con Lui, in Lui e come Lui”.
 

Proseguendo il Papa ci lascia una splendida definizione di fede e di carità: “La fede è conoscere la verità e aderirvi; la carità è «camminare» nella verità. Con la fede si entra nell'amicizia con il Signore; con la carità si vive e si coltiva questa amicizia”.
 

“Alla luce di quanto detto” continua il Papa, “risulta chiaro che non possiamo mai separare o, addirittura, opporre fede e carità. L’esistenza cristiana consiste in un continuo salire il monte dell’incontro con Dio per poi ridiscendere, portando l'amore e la forza che ne derivano, in modo da servire i nostri fratelli e sorelle con lo stesso amore di Dio. Tutto parte dall'umile accoglienza della fede («il sapersi amati da Dio»), ma deve giungere alla verità della carità («il saper amare Dio e il prossimo»), che rimane per sempre, come compimento di tutte le virtù”.
 

L’augurio, allora, che questa Quaresima porti i colori della riscoperta gioiosa dell’amore di Dio, da cui ogni altro amore trae forza e bellezza e la capacità, altrimenti impossibile, di trasformarci a sua immagine.

 


 

12.2.2013

Monica

 
 
 
 
  1. IT
  2. EN
  3. ES
  4. FR
  5. PT
  6. PL
 

Menu di sezione