Missionarie dell'Immacolata Padre Kolbe
Contenuto della pagina

25 anni di presenza in Polonia

nella terra di Oświęcim 

Ricordiamo con gratitudine le missionarie che in questi 25 anni si sono spese con generosità in questa terra polacca, i frati e le persone che ci hanno accolto, i pellegrini che da tante parti del mondo sono passati per il Centro Massimiliano Kolbe. Sono veramente tanti i motivi per dire grazie!
 

Carissime missionarie e amici,  

quest'anno la comunità di Harmeze celebra 25 anni di presenza in Polonia. Celebrare un anniversario è sempre l'occasione per dire "grazie" e cantare con Maria il "Magnificat"di lode. Ringraziamo padre Faccenda che ha avuto l'intuizione di accogliere l'invito della Provincia dei Frati Conventuali di Cracovia ad aprire una comunità in questa terra intrisa dal sangue di tanti martiri.
Ringraziamo le missionarie che si sono sono passate da questa terra e che con tanto sacrificio hanno dato il loro contributo nella costruzione di questa realtà tanto cara a tutti noi, ai tanti benefattori che hanno permesso la realizzazione del Centro, ai numerosi pellegrini che abbiamo accolto con gioia e che hanno lasciato una impronta nella nostra vita, ai tanti momenti condivisi con semplicità e profondità. 
Ci stiamo preparando, missionarie e volontari, con questo atteggiamento di gratitudine e umiltà perché tutto il bene realizzato è opera della Madonna e dell'intercessione di San Massimiliano Kolbe. La celebrazione sarà domenica 29 settembre nella parrocchia di Harmeze. Presiederà la concelebrazione Mons. Taddeo Rakoczy , vescovo emerito, che ha accolto le missionarie in Polonia quando sono arrivate nel 1994. Sarà presente Giovanna Venturi, direttrice generale, a nome di tutto l'Istituto.
Per preparare questo giubileo realizzeremo tre giornate di animazione mariana in 3 parrocchie: la parrocchia di San Massimiliano che è la più grande parrocchia di Oświęcim, la parrocchia di Birkenau, la prima parrocchia delle missionarie e nella parrocchia di San Giuseppe. Il 28 sera nella cappella del nostro Centro ci sarà una veglia di preghiera.
Abbiamo anche preparato un folder che presenta l'Istituto e le attività apostoliche qui in Polonia e che distribuiremo nelle giornate mariane.
Siete tutti invitati a partecipare, a ringraziare con noi il Signore e a pregare san Massimiliano per le vocazioni anche da questa terra polacca.

In comunione,
Anna Matera e missionarie
Harmęże - Polonia

 
 
Dagli scritti di padre Luigi Faccenda

Quale significato ha per te e per tutto l’Istituto la realtà di Auschwitz, quella realtà che ci sta tanto a cuore? Ascoltami, e forse capirai che cosa rappresenti questo luogo che, per il mondo, suona ancora come il luogo dove ha trionfato il massimo delle pene e dei supplizi.
Auschwitz è la sorgente e il fulcro della tua santità; Auschwitz è la miniera dalla quale è scaturito il carisma della tua vocazione mariana e missionaria; Auschwitz è il faro acceso dalla bontà di Dio, per indicare all’uomo l’essenza del Vangelo; Auschwitz è il luogo dove la Missionaria ritrova il motivo della sua consacrazione alla celeste Regina Immacolata; Auschwitz è la voce di san Massimiliano Kolbe che ad ogni uomo e ad ogni Missionaria svela il mistero della vera santità; quella santità che egli ha coronato con la palma del martirio Auschwitz è la tomba che non racchiude i resti mortali di san Massimiliano, ma che rimane sempre aperta per indicare al mondo di oggi e di domani il celeste messaggio dell’Amore.
Questi ed altri altissimi motivi hanno spinto il nostro Istituto ad essere presente ad Auschwitz con la comunità delle Missionarie e con il Centro di accoglienza «Padre Kolbe».

(Padre Luigi Faccenda, fondatore dell'Istituto)

 

Harmęże, 29 X 2019 [Eucharystia]

04

04
 
<< <
  1. ...
> >>
.
.
 
 
 
 
Video di presentazione del Centro San Massimiliano Kolbe