1. Inizio pagina
  2. Contenuto della pagina
  3. Menu principale
  4. Menu di Sezione
  1. IT
  2. EN
  3. ES
  4. FR
  5. PT
  6. PL
Contenuto della pagina

Festa di san Massimiliano Kolbe

14 agosto 2017

Il messaggio della direttrice generale dell'Istituto Giovanna Venturi
 

«La dottrina del Martire di Auschwitz, San Massimiliano Maria Kolbe, O.F.M.Conv., che promana dalla più autentica spiritualità francescana, ha portato frutti an­che tra gli Istituti secolari con la nascita delle “Missio­narie dell’Immacolata - Padre Kolbe”. La spiritualità infatti che anima la vita delle “Mis­sionarie dell’Immacolata - Padre Kolbe”, prende origi­ne dalla consacrazione totale all’Immacolata sull’esem­pio del martire di Auschwitz”» .  Queste parole di San Giovanni Paolo II, nel decreto dell’Approvazione Pontificia dell’Istituto, sono eco d’innumerevoli espressioni del Padre Faccenda “l'Istituto è ben cosciente di avere nel Padre Kolbe il maestro, il modello, il teologo e l'ispiratore” [1].

Carissime missionarie e volontari, la celebrazione della festa di San Massimiliano, in quest’ anno 2017, riveste un significato particolare; si colloca infatti nel centenario di fondazione della Milizia dell’Immacolata.  
La nostra festa vuole essere perciò un momento di azione di grazie e di lode a Dio per il dono che Egli ha fatto alla sua Chiesa e all’Istituto con questo santo, ma anche grande responsabilità nel tenere vivo lo spirito di San Massimiliano.  
Condivido con voi alcune espressioni del padre:  “San Massimiliano oggi ci affida soprattutto un inestimabile dono: il suo carisma mariano e missionario. È questo, infatti, il dono di grazia che lui per primo ha ricevuto dallo Spirito e che ora può continuare a fruttificare attraverso di noi. Questo dono chiede di essere accolto, come il dono di Cristo crocifisso morente: «Ecco tua madre».  
E cerca uomini e donne capaci di farsi incendiare dall’amore a Dio Trinità, dall’amore per l’Immacolata, dall’amore alla Chiesa e all’uomo fino a giungere, sull’esempio di San Massimiliano, al martirio della carità. Questo è ciò che vado ripetendo a coloro che ho  la possibilità di incontrare nel mio ministero sacerdotale, in particolare alle Missionarie, ai «Volontari dell’Immacolata - Padre Kolbe»” [2].

Carissimi lasciamoci contagiare dallo spirito di San Massimiliano.  
Cerchiamo di essere persone dai grandi desideri  e dei vasti orizzonti,  pronti a spenderci  nella quotidianità e ordinarietà della vita. Facciamo nostro il suo grande anelito “Voglio essere santo, un grande santo” [3].
Affidiamo  alla sua intercessione e all’Immacolata, Assunta in cielo, il cammino di preparazione all’Assemblea, perché sia un momento di grande comunione e  docilità allo Spirito .

Questo è il mio augurio per voi e per  le vostre famiglie.

Giovanna Venturi  

[1]
Orientamenti di vita Spirituale, V, pag. 195
[2] Orientamenti di vita spirituale,X, pag. 247
[3] Cfr. Scritti Kolbe 971