1. Inizio pagina
  2. Contenuto della pagina
  3. Menu principale
  4. Menu di Sezione
  1. IT
  2. EN
  3. ES
  4. FR
  5. PT
  6. PL
Contenuto della pagina

Fatima

 

Il messaggio di Fatima

Sono trascorsi 60 anni  dalle apparizioni della Madonna ai tre pastorelli di  Fatima, e quel messaggio d’amore conserva ancora il su fascino e la sua attualitá. Infatti il culto della Vergine é stato ufficialmente ribadito dal Concilio Vaticano II. «Intimamente unita al Figlio suo, copera in modo del  tutto singolare all’opera del Salvatore» (Apostolicam Actuositatem, 4). «Con la sua materna caritá si prende cura dei fratelli del Figlio suo ancora peregrinanti e posti in mezzo a pericoli e affanni, fino a che non siano stati condotti nella patria beata» (Lumen Gentium, 63).
Anche il culto al Cuore Immacolato é convalidato dalla Chiesa, che l’ha inserito nella Liturgia.
Piú evidente ancora l’aspetto catechistico del messaggio: un invito alla penitenza che riflette lo spirito  genuino del Vangelo. In un mondo dove il benessere e il godimento diventano per molti lo scopo ultimo della vita, questo richiamo, ripetuto del resto in tutte le apparizioni mariane di questi ultimi tempi, risulta quanto mai opportuno per sottolineare un aspetto fondamentale della vita cristiana: «Se non vi convertirete, perirete tutti allo stesso modo» (Lc 13, 5)
La preghiera, poi,  tanto raccomandata dalla Madonna risponde all’invito pressante di  Gesú che «trascorreva le notti in preghiera» (Lc 6,12). Tra le preghiere, il Rosario tiene  un posto per eccellenza in tutte le apparizioni: una preghiera che interpone la mediazione stessa della Madre di Dio definita l’onnipotenza supplice. La meditazione per  almeno di quindici minuti sui misteri del Rosario é una delle forme piú efficaci per accostare i fedeli alla Bibbia, presentando i fatti piú salienti della vita di Cristo.
Ma l’aspetto anche piú interessante e attuale è l‘invito ad accostarsi ai sacramenti della Penitenza e dell’Eucaristia, essenziali per la vita cristiana.
Specialmente oggi in cui si nota in tutto il mondo occidentale una sistematica negazione dei valori della trascendenza e della stessa rivelazione, con la conseguente perdita  della nozione del peccato e del senso stesso di Dio, da cui l’abbandono della Confessione da parte di molti. «La crisi della  Penitenza – scrivono i vescovi italiani – ha a monte  questo affievolimento del senso di Dio, e quindi la mancanza di coscienza della  rottura dell’alleanza, per il rifiuto dell’uomo a collaborare al disegno divino. Per questo il peccato perde spesso nella mentalitá moderna la sua fondamentale dimensione religiosa  e verticale di offesa a Dio e di rifiuto al suo progetto di amore» (Documento  dell’11ª Assemblea C.E.I).
Il messaggio di Fatima va incontro a questa carenza del senso profondo della penitenza come costante atteggiamento di vita e come evento sacramentale.
Infine, é da mettere in risalto la dimensione ecclesiale della preghiera e della pratica sacramentale, come riparazione dei peccati degli uomini e l’aspetto finale del messaggio di Fatima, basato sulla promessa della Madonna: «Alla fine il mio Cuore Immacolato trionferá». Spetta a ogni credente impegnarsi generosamente a vivere e diffondere l’invito  della Madre celeste  per  affrettare il giorno in cui Maria riporterá la vittoria finale sui nemici di Cristo e della Chiesa, offrendo a tutti gli uomini il dono della pace, nella giustizia e nella libertá.